Home » Montascale » Ascensori per disabili: caratteristiche e misure minime obbligatorie

Ascensori per disabili: caratteristiche e misure minime obbligatorie

ascensore-disabili
ascensore disabili

Gli ascensori per disabili hanno dimensioni apposite. In questa guida troverai tutto il necessario per capire qual’è adatto al tuo caso. Che sia per ascensori interni o per esterni, con o senza locale macchine. Finita questa lettura avrai tutte le informazioni che ti servono per una scelta consapevole evitando errori grossolani.

Ti consiglio questa guida per conoscere in modo più approfondito le varie tipologie di ascensore.

Richiedi preventivi gratuiti

14%
PRIMA DI PROSEGUIRE Ascensoristi.com è il portale degli ascensoristi italiani. Una volta inviata la richiesta di preventivo, verrai contattato da un massimo di 4 aziende (o tramite email o telefonicamente) quindi i tuoi dati saranno pubblici solamente al Team di Ascensoristi.com ed un massimo di 4 imprese iscritte al portale. Il servizio è gratuito. (Vedi Termini e Condizioni d'uso) Compilando il form, acconsenti all’utilizzo e al trattamento dei dati personali secondo l’informativa ai sensi dell’art. 13 del D.Lgs. 196/2003 relativa al trattamento dei dati personali e del GDPR (Regolamento UE 2016/679).(Privacy Policy – sezione ‘Raccolta e trattamento di dati personali’ )

Richiedi preventivi gratuiti

Rispondendo a delle semplici domande, ci aiuterai a raccogliere il massimo delle informazioni per farti ottenere i migliori preventivi. Il tutto senza alcun impegno.

Scegli il tipo di intervento richiesto

SPECIFICHE TECNICHE

(il piano terra è da considerare come prima fermata)

(da specificare se selezionato "+10")

(per verificare la portata dell'impianto, controllare la targhetta presente all'interno dell'ascensore.)

(il piano terra è da considerare come prima fermata)

(da specificare se selezionato "+10")

(per verificare la portata dell'impianto, controllare la targhetta presente all'interno dell'ascensore.)

(il piano terra è da considerare come prima fermata)

(da specificare se selezionato "+10")

(il piano terra è da considerare come prima fermata)

(da specificare se selezionato "+10")

*portata esente da legge di revisione annuale

(il piano terra è da considerare come prima fermata)

(da specificare se selezionato "+10")

*portata esente da legge di revisione annuale

(il piano terra è da considerare come prima fermata)

(da specificare se selezionato "+10")

(il piano terra è da considerare come prima fermata)

(da specificare se selezionato "+10")

Tempi e costi previsti

Dati Personali

Ci siamo, non resta che inserire i tuoi dati e riceverai i tuoi preventivi quanto prima:

inserire solamente cifre - spazio, lettera o simbolo non sono consentiti
Orario per essere ricontattato dalle aziende

Cominciamo dicendo che le misure del vano ascensore da tenere in considerazione variano in funzione della destinazione d’uso dell’immobile. Se l’edificio è pubblico (uffici, scuole, ospedali, ecc..) ci saranno delle misure, mentre se è ad uso privato dovrai rispettarne altre. Le variabili sono anche in funzione dell’età della struttura: un nuovo fabbricato avrà misure differenti da rispettare di un fabbricato già esistente.

Le leggi che disciplinano le dimensioni degli ascensori disabili sono :

D.P.R. 503 del 24 luglio 1996 – In riferimento a tutta l’italia esclusa la Lombardia .

Legge regionale n.6 del 20 febbraio 1989 – In riferimento esclusivamente alla Lombardia .

Ascensori per disabili dimensioni minime

dimensione-ascensore-disabili-misure-standard
dimensione ascensore disabili misure standard

1) In edifici di nuova costruzione ad uso abitativo le misure da rispettare sono le seguenti:

Dimensioni minime cabina: 0,95 m di larghezza e 1,30 m di profondità.

Porta con luce effettiva minima: 0,80 m posta sul lato corto.

Piattaforma fronte alla porta della cabina: misura minima di 1,50 × 1,50 m.

2) Negli edifici di nuova costruzione, ad uso pubblico non residenziale, l’ascensore deve rispettare le seguenti misure:

Dimensioni minime cabina: 1,10 m di larghezza e 1,40 m di profondità.

Porta con luce effettiva minima: 0,80 m, posta sul lato corto.

Piattaforma fronte alla porta della cabina: misura minima di 1,50 × 1,50 m.

3) Nel caso di adeguamento di edifici già esistenti, dove non vi è la possibilità di installare cabine di grandezza maggiore, si possono usare le seguenti misure:

Dimensioni minime cabina: 0,80 m di larghezza e 1,20 m di profondità.

Piattaforma fronte alla porta della cabina: misura minima di 1,40 × 1,40 m.

In caso di adeguamento le porte di piano possono essere di tipo ad anta incernierata purché dotate di sistema con apertura automatica.

Caratteristiche obbligatorie di tutti gli ascensori per disabili

ascensori-per-disabili
ascensori per disabili

L’ascensore per disabili deve essere dotato di una cabina abbastanza ampia da permettere sia l’accesso di una sedia a rotelle che la possibilità di far girare la stessa al suo interno. Le porte della cabina e del piano devono essere obbligatoriamente automatiche. Obbligatoria è anche la presenza di sensori solitamente fotocellule. Queste sono necessarie al bloccaggio delle porte nel caso di impedimento, evitandone la chiusura.

Hai bisogno di un ascensore per disabili? Con Ascensoristi.com puoi richiedere più preventivi alle aziende iscritte

All’interno della cabina devono essere presenti: il campanello d’allarme, il citofono ad un altezza compresa tra 1,10 m e 1,30 m, una spia luminosa che segnali la ricezione della chiamata di allarme all’esterno e una luce di emergenza con autonomia minima di 3 ore.

I tempi di chiusura (non inferiore a 4 secondi) e apertura (minimo 8 secondi) delle porte dovranno essere tarati adeguatamente.

La bottoniera di comando, sia interna che esterna al elevatore per disabili, deve essere posta ad un’altezza adeguata compresa tra 1,10 e 1,40 m (solitamente per comodità la si pone ad 1,30 m). Quella interna deve inoltre essere posizionata sulla parete laterale a minimo 35 cm dalla porta della cabina. Entrambe dovranno inoltre essere dotate di pulsanti di comando con numerazione in rilievo per non vedenti (Braille) e delle placche di riconoscimento per ogni piano (sempre in Braille).

Il pianerottolo di fronte alle porte della cabina deve avere una profondità adeguata per ospitare una sedia a rotelle e garantire le manovre necessarie per accedere in ascensore. Alle fermate di ciascun piano, il pavimento della cabina dovrà essere perfettamente in linea con il pianerottolo (autolivellamento con tolleranza massima ± 2 cm).

Fondamentale è la segnalazione sonora per l’arrivo al piano, ed un dispositivo luminoso che si accenda in caso di allarme. Lo stazionamento della cabina nei vari piani deve necessariamente avvenire con porte chiuse.


Ascensori per disabili: caratteristiche e misure minime obbligatorie ultima modifica: 2017-08-10T20:20:23+02:00 da Team di Ascensoristi.com

8 commenti su “Ascensori per disabili: caratteristiche e misure minime obbligatorie”

  1. Amin

    Salve a tutti,
    sarebbe possibile avere un disegno con misure minime per ascensori handicap?

  2. Luca

    Salve, se ho ben capito non è consentito invertire le misure di cabina. Nel senso che non si può fare una cabina da 1200 di larghezza x 900 di profondità, con porte quindi sul lato da 1200?
    Grazie.

    1. Salve Luca,

      Esatto, per legge non è possibile invertire la larghezza e la profondità della cabina ascensore.
      Cordiali saluti
      Team Ascensoristi.com

  3. Lorenzo

    Se il richiedente di un ascensore per disabili va a montare un ascensore con sbarco ad un piano Mezzanino ” per capirsi poi ha ancora 18 scalini da fare ” si puo ritenere questo un ascensore per disabili pur non servendo nessun piano abitato? E può comunque installarlo? Grazie

    1. Buonasera Lorenzo, se l’ascensore è un montascale ed è stato installato ad uso per disabili, indipendentemente dal numero di scalini coperti o non coperti, viene considerato a tutti gli effetti un ascensore per disabili.

  4. Katia

    Mi scusi, volevo chiedere, ma se l’ascensore è preesistente, in un vecchio fabbricato degli anni ’60, le normative di conformità sono da ottemperare obbligatoriamente lo stesso, o essendo stato costruito prima della legge, l’ascensore non è soggetto a modifiche obbligatorie?
    Grazie e buona giornata

    1. Salve Katia,
      L’ascensore costruito prima del luglio 1999 non ha l’obbligo di adeguarsi alle recenti normative in materia di sicurezza, affidabilità e sostenibilità emanate dall’Unione Europea.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *